mercoledì 5 giugno 2013

La magia si ripete...

...Bruce Springsteen è tornato a San Siro ed io ero lì!

Questa volta ero convinta...avrei preso il biglietto per il prato insieme a tutti gli altri, non come l'anno scorso! ma niente...anche quest'anno io, mio fratello e mia cognata al 2° anello e tutti gli altri nel prato!


Ecco i miei compagni d'avventura, mio fratello e mia cognata, mentre cerchiamo di ingannare l'attesa...ci aspettiamo il pre show! lo ha fatto a Napoli, lo ha fatto a Padova...lo farà anche a Milano, invece no...uffa siamo un pò delusi ma aspettiamo pazientemente, voci dicono che il concerto inizierà alle 20...no non ci credo...troppo presto! e intanto ci mangiamo qualche ciliegia


d'altronde i concerti di Bruce sono come le ciliegie, uno tira l'altro!!!


Poi all'improvviso... ore 20,15 ricomincia la magia! Springsteen è sul palco, San Siro è incontenibile, l'adrenalina comincia a sentirsi... tutti in piedi...c'è un'energia, una specie di corrente elettrica che ci percorre tutti e si capisce, ci si guarda, ci si sorride, siamo tutti consapevoli che per almeno tre ore verremo trasportati in un'altra dimensione, la dimensione del Boss! lui non vuole essere chiamato così, ma come dobbiamo chiamarlo??? non so... The King magari gli piace di più!
Come sempre per quasi tutto il concerto, tre ore e mezzo ininterrotte, sono in piedi, canto, ballo, applaudo, chi se ne frega se sono una quasi sessantenne...se voglio urlare urlo! E' un crescendo di emozioni nonostante l'acustica che nel punto dove eravamo noi lasciava molto a desiderare! Nella fila davanti a noi ci sono delle persone coetanee di Springsteen, hanno fatto quasi tutto il concerto in piedi a ballare e cantare, dietro di noi una famiglia con un ragazzino di circa 10 anni che gli amici prendevano in giro perché andava a vedere il concerto di "un vecchio", di fianco a me un'altra famiglia con un bimbo di forse 6 anni...che bello! tutti a saltare e ad emozionarsi insieme!


Luci sul pubblico sempre pronto ad interagire con quel piccolo grande uomo sul palco, tre ore e mezzo passano troppo in fretta, è proprio vero che il tempo è relativo!
Quando si sentono le note di Twist and Shout si capisce che siamo arrivati alla fine...una tradizione ormai, ma questa volta il Boss vuole fare un regalo al suo pubblico e ci regala un finale da brivido da solo sul palco, dopo aver congedato tutta la magistrale E Street Band, attacca una magnifica Thunder Road che ci lascia tutti senza fiato! e mentre usciamo dallo stadio sui mega schermi passano le immagini dei 5 concerti di San Siro dal 1985 ad oggi...che nostalgia!


Un'ultima foto presa in giro sul web ma che mi piace un sacco...lo spettacolo di San Siro che accoglie il suo Bruce! 

Mi lascio sempre prendere un pò la mano dopo aver partecipato ad un concerto di Springsteen, ma vi assicuro che è un'esperienza unica!

Un abbraccio
Silva





9 commenti:

  1. che grande!!! 3ore e mezza di concerto, lui da tutto al suo pubblico, non come tanti che dopo die ore scarse smettonodi suonare! Bello vivere queste esperienze con chi condivide le tue stesse passioni! Splendido racconto grazie per averlo condiviso! Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Brava Silva, come al solito rendi bene l'idea.. proprio una bella serata
    nonostante l'acustica...

    RispondiElimina
  3. una serata indimenticabile e sempre meglio del ultima volta....se continua così ci sotterra tutti. un'esperienza che ti entra nel profondo dell'anima e che sai di condividere con tutti quelli che sono lì con te, grazie silva del tuo splendido racconto. stay hard stay hungry stay alive

    RispondiElimina
  4. Pare proprio che le emozioni siano state tante... :)

    RispondiElimina
  5. CIAO, che mitica, anche mio marito e mio figlio di 13 anni sono andati a Padova. Dovevo andare anch'io ma ho lasciato il biglietto a mio nipote, caso schiena in frantumi.
    Che figata. brava Marta

    RispondiElimina
  6. Silva...
    Ti quoto in tutto quello che hai scritto... Soprattutto per le emozioni che Bruce ti lascia dentro nell'anima tutte le sante volte che corri a vederlo...

    E per l'energia che ti trasmette che ti fa andare avanti per giorni... Ho appena finito di scaricare la registrazione del concerto e sto consumando il solco dell'mp3 di Shout... Credo di aver perso dieci anni buoni della mia vita (assieme a schiena, ginocchia, gambe e gola!?!?) su questa canzone...

    E su The River mi sono ritrovata a piangere, come tutte le altre volte, come se fosse la prima volta davanti a questo grande uomo...

    La cosa più bella, poi, è stata vedere la sua faccia completamente distrutta dalla fatica ma felice ed emozionata sugli schermi sopra ed accanto al palco: la stessa faccia dei 60.000 di San Siro!?!?

    La prossima volta anche noi prato, però... Un San Siro dal prato me lo devo vedere, porca trota!?!?

    Barbara

    RispondiElimina
  7. Grazie del bel racconto, io non sono mai andata a nessun spettacolo e se devo essere sincera non ho mai approfondito la conoscenza della sua musica, mi sa che dovro' rifarmi per non perdere un pezzo di storia!
    Ciao Sonia

    RispondiElimina
  8. che dire... via, diciamola all'inglese... YOU ROCK!

    RispondiElimina
  9. grande Silva!!!!!! hai ragione la musica è emozione e fa bene al cuore

    bacioooooo

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato segno del tuo passaggio e aver speso del tempo per farlo! Mi fa davvero molto piacere!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails